137 – Nintendo Switch Controller!

Oggi ti parlo della mia esperienza d’uso di un Controller “compatibile” per Nintendo Switch.

Tra i diversi dispositivi tech che mi piacciono non possono mancare le Console di Gioco. Al momento ne utilizzo due la Nvidia Shield e soprattutto Nintendo Switch.

Nvidia Shield è uno streamer di alto livello per la tipologia di HW di cui è dotato. Il mio è il modello 2017, quindi la seconda versione per capirci, ora puoi trovare sul sito web di Nvidia anche la nuova versione che ha subito un restyling ed ha un telecomando più funzionale. La utilizzo principalmente per vedere le principali piattaforme di streaming e qualche volta per giocare.

Oggi però ci concentriamo su Nintendo Switch non sulle sue caratteristiche tecniche, che probabilmente conosci e che comunque puoi approfondire nel link a fondo post, ma su un suo frequente problema…meglio conosciuto come “Joy-Con Drift”.

Ma andiamo con ordine.

Nintendo Switch è una delle console della “precedente” generazione, per distinguerla da PS5 e da XBox Series X e S, che però è nel pieno della sua vita commerciale infatti continua le vendite con numeri altissimi in tutto il mondo, per esempio in Giappone vende ancora più di PS5. Lanciata nel marzo 2017 con delle caratteristiche distintive rispetto alle altre Console è riuscita, per merito dell’ecosistema Nintendo e della qualità dei suoi Giochi, a rimanere in vetta alle classifiche di vendita.

Ma torniamo al “Joy-Con Drift”. Si tratta di un malfunzionamento sulle levette dei Joy-Con appunto e può presentarsi su una delle due oppure su entrambe. Nel mio caso solo sulla levetta sinistra.

Consiste in pratica nella “deriva” drift degli spostamenti impartiti con questa levetta che, anche quando torna nella posizione di riposto, continua a dare un comando di movimento…per chi gioca è un problema!!…meno per il resto dell’umanità ovviamente.

Cercando in rete ho trovato diversi suggerimenti per tentare di risolvere l’anomalia, pare sia causato da un piccolo accumulo di polvere nella parte interna del controller alla base della levetta.

Si sconsiglia di aprire il Joy-Con per provare a pulire il sensore, visto che all’interno del dispositivo ci sono molti altri sensori che potrebbero essere danneggiati da questa operazione.

Un primo tentativo può essere la ricalibrazione delle levette, prevista nelle impostazioni della Console, oppure provare con le vibrazioni stesse dei Joy-Con nella speranza di rimuovere la suddetta polvere…ove tutto ciò fallisca, come nel mio caso, è necessario inviare in assistenza la Console oppure sostituire i Joy-Con.

Ho scelto questa seconda via con un pizzico di curiosità in più, infatti ho deciso di provare un Controller compatibile e non ricomprando i Joy-Con originali anche perchè, al netto di questo piccolo difetto sono perfettamente funzionanti e per alcuni giochi, che impiegano gli altri sensori, possono continuare il loro lavoro collegati alla Console. Nel mio caso infatti utilizzo la Console principalmente collegata alla TV e non in mobilità.

Questa la mia positiva esperienza con il nuovo Controller HEYSTOP Wireless per Nintendo Switch.

Prezzo: 24,99€, come sempre ti consiglio di rivolgerti a negozi on line affidabili.

Design e Materiali: il design è semplice e “cicciottello” con un tocco di simpatia a mio avviso.

Il colore è grigio anteriormente e nero sul posteriore. Il materiale plastico utilizzato per l’impugnatura è liscio e all’apparenza chip, fanno eccezione i tasti menu in gomma morbida, i tasti funzione e la ghiera direzionale in plastica lavorata diversamente e con superficie piacevole al tatto.

Ci sono poi le due levette analogiche in gomma più morbida e dall’ottimo grip.

La stessa plastica della ghiera direzionale è utilizzata per i grilletti L1,2 e R1,2, sul lato frontale è presente il tastino tondo per il pairing iniziale.

Il peso è 208 g rispetto ai 200 g dei Joy-Con originali con il loro supporto.

Sulla parte superiore sono presenti 4 led ad indicare sia la fase di connessione che il numero di Joy-Con assegnato dalla Console. Segnalano anche la fase di ricarica in corso.

Connessioni e Funzionamento: il controller con Nintendo Switch su collega via Bluetooth e viene subito riconosciuto dalla Console, basta andare infatti nel menù delle impostazioni nella sezione apposita per aggiungere e gestire i controller.

Il controller ha un ingresso USB-C (comodo visto che anche la Switch si ricarica con USB-C quindi con costringe a dotarsi di altri tipi di cavo anche in mobilità) utilizzabile sia per la ricarica che per la connessione ad un PC Windows per giocare via cavo.

Ecco che si evidenzia il primo grande valore aggiunto di questo controller cioè essere ricaricabile e non aver bisogno di batterie esterne.

Veniamo alla prova sul campo.

Il pairing è immediato nessun problema. L’ergonomia è comoda per le mani di un adulto e leggermente grande per le mani di un bimbo ma le superfici arrotondate lo rendono ben utilizzabile da entrambi.

Avevo delle perplessità prima di utilizzarlo relativamente ad eventuali micro ritardi nell’esecuzione di comandi rispetto ai Joy-Con originali ed invece non ho notato nessuna differenza.

Comodi tutti i tasti con risposte veloci. Comodissime, e migliori delle originali dal punto di vista ergonomico, le due levette analogiche quindi obiettivo di sostituzione raggiunto e superato.

Anche la vibrazione funziona benissimo…anche troppo rispetto ai Joy-Con originali. La vibrazione infatti è molto marcata ed in alcuni frangenti anche eccessiva, sarà sufficiente in quei casi particolari disattivarla dalle impostazioni sulla Switch.

Batteria: abbiamo un’unità da 600 mAh che si ricarica da zero in circa 2h. La durata è superiore alle 20 h di gioco e nel mio caso prima di arrivare alla scarica completa preferisco ricaricarlo ogni due settimane circa per non avere interruzioni nella sessione di gioco.

Riassumendo sono contento che la mia curiosità “tech” mi abbiamo portato a fare questo acquisto che, ad un costo accessibile e inferiore ai componenti originali, mi ha consentito di risolvere velocemente il problema senza attendere i tempi di spedizione, riparazione e ritorno della Console.

Allora cosa ne pensi? Sei un videogiocatore? Utilizzi Nintendo Switch? Ed il problema del Joy-Con drift ti si è presentato? Lascia un commento qui sotto e parliamone.


Nintendo Switch

Questo sito utilizza cookies indispensabili per il suo funzionamento. Cliccando Accetta, autorizzi l'uso di tutti i cookies.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte Privacy.