27 – Televisione: come scegliere la dimensione giusta per te.

In questo tutorial ti spiego come scegliere la dimensione giusta della TV in funzione del tuo punto di visione.

Da quanto la tecnologia costruttiva delle TV ha portato sul mercato i pannelli piatti, ed in particolare quelli di grandi dimensioni, il momento dalla sostituzione della TV viene spesso visto con una certa dose di ansia.

Questo problema deriva dal fatto che siamo stati abituati per decenni a TV di dimensioni piccole come diagonale dello schermo ma enormi per quanto riguarda la profondità.

Le nuove tecnologie (per esempio LCD, Plasma, IPS e Oled) hanno cambiato tutto e ora ci si ritrova a dover scegliere tra schermi di dimensioni comunque molto maggiori di prima. Infatti anni fa un 32″ (pollici) a tubo catodico era considerato un televisore enorme, oggi 32″ è la dimensione minima da cui partono le TV per un soggiorno (per fare un esempio).

Prima di illustrarti il semplice criterio con il quale puoi scegliere la tua nuova TV, fissiamo alcuni elementi di base che ci aiuteranno in questa chiacchierata.

Quando parliamo di dimensioni di uno schermo si parla della lunghezza della sua diagonale. Questa lunghezza si misura in pollici (inch simbolo “) e non in centimetri (cm). Sappi che un pollice corrisponde a 2,54 centimetri.

Quando parliamo di Risoluzione ci riferiamo al numero di pixel (larghezza x altezza) che compongono il rettangolo del pannello della TV (il pixel è l’elemento più piccolo che compone la matrice della tua TV). Di seguito ti illustro visivamente le differenze.

A questo punto la domanda è: quale dimensione di schermo devo scegliere? La risposta è: dipende dalla distanza di visione e dalla risoluzione della TV che vuoi acquistare.

La distanza di visione è facile da misurare. Per farlo siediti nel punto di visione tipico che utilizzi. La TV sarà posizionata con il centro dello schermo all’altezza dei tuoi occhi come per esempio nell’immagine che vedi di seguito.

Credits: Panasonic

Misurando la distanza tra i tuoi occhi e lo schermo avrai il primo elemento da considerare o meglio il primo vincolo che hai, perché sarà partendo da questo dato che andremo a ricavare la dimensione dello schermo “giusta” per la tua situazione particolare.

Ma cosa significa dimensione dello schermo “giusta”? Significa quella dimensione che consente ai tuoi occhi di percepire tutta la risoluzione della tua TV e quindi poter godere di tutti i dettagli possibili. Tutto questo ragionamento infatti è volto a capire come sfruttare al massimo le capacità risolutive dell’occhio umano perché questo, oltre una certa distanza, non è più in grado di distinguere un pixel dall’altro.

Per esempio se la TV è troppo grande per la distanza da cui la guardi i tuoi occhi riescono a distinguere i singoli pixel e la visione non è piacevole (puoi fare delle prove con la tua attuale TV avvicinandoti).

Se invece la TV è troppo piccola l’occhio non riesce a percepire i dettagli, quindi avere una TV Ultra HD o anche un Full HD diventa del tutto inutile. Oltre una certa distanza, per esempio 10 metri, il tuo occhio non sarà in grado di percepire nessuna differenza tra uno schermo SD, HD, Full HD o Ultra HD a meno di usare schermi cinematografici non casalinghi.

Mettiamo ora insieme le informazioni che abbiamo e vediamo come scegliere. Hai misurato la distanza di visione, dobbiamo scegliere ora è la dimensione della TV e la sua Risoluzione. Oggi il mercato, per dimensioni da soggiorno, propone in pratica solo Risoluzioni 4k quindi in effetti la scelta è facilitata.

Utilizziamo il grafico seguente che mette in relazione la distanza di visone con la dimensione dei pannelli:

Sull’asse verticale (ordinate) hai le distanze di visione crescenti, sull’asse orizzontale (ascisse) trovi le dimensioni di TV crescenti.

Come vedete le zone di visione ottimale sono degli intervalli ideali il primo è l’intervallo per la risoluzione 4k il secondo Full HD e così via.

Ora prendi la distanza di visone che hai misurato, trovala sull’asse verticale e traccia una linea orizzontale così potrai vedere l’intervallo di dimensioni a te più adatte.

Facciamo due esempi:

Primo esempio: ipotizziamo tu abbia una distanza di visione di 2,4 metri (linea tratteggiata rossa orizzontale). Intersecando le due linee verticali (verde per 55″ e gialla per 65″) hai due possibilità, infatti puoi avere una visione ottimale con un 55″ in risoluzione Full HD, oppure con un 65″ in risoluzione 4k.

Secondo esempio: ipotizziamo tu abbia una distanza di visione di 1,8 metri (linea tratteggiata verde orizzontale). In questo caso sia che tu voglia un 55″ sia un 65″ la visione ottimale è data da una risoluzione 4k.

Riassumendo al crescere della distanza di visione, se vuoi godere di un 4k, devi necessariamente salire con le dimensioni e questo ovviamente dipende dal tuo budget ma anche dalla possibilità di installare uno schermo particolarmente grande. Nella pratica poi la distanza di visione è spesso maggiore di quella ideale che ritrovi nel grafico. Il consiglio che posso darti, allo stato attuale delle tecnologia cioè 4k e per dimensioni tipo soggiorno, è di scegliere la TV con la maggiore dimensione possibile rispetto al tuo budget e al punto dove devi posizionarla.

Se vuoi approfondire l’argomento lascia un commento e parliamone.

Questo sito utilizza cookies indispensabili per il suo funzionamento. Cliccando Accetta, autorizzi l'uso di tutti i cookies.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte Privacy.