116 – Missione CREW-1, Nasa e SpaceX verso la Stazione Spaziale Internazionale (ISS).

Parte oggi ufficialmente la nuova era dei voli Nasa senza vettori Russi, la Nasa utilizza ora i vettori SpaceX dopo la certificazione avvenuta nei mesi scorso.

Ti ho parlato qui della missione Nasa-SpaceX “Demo-2” precedente che rappresentava proprio la preparazione tecnica per la prima vera missione ufficiale partita oggi la Crew-1 appunto.

In questo momento un equipaggio internazionale di astronauti è in viaggio verso la Stazione Spaziale Internazionale a seguito di un lancio riuscito sul primo sistema di veicoli spaziali umani commerciali nella storia certificato dalla NASA.

Credits: Nasa, SpaceX

La missione SpaceX Crew-1 della NASA è decollata alle 19:27. EST di domenica dal Launch Complex 39A al Kennedy Space Center in Florida.

Il razzo SpaceX Falcon 9 ha spinto la navicella spaziale Crew Dragon con gli astronauti della NASA Michael Hopkins, Victor Glover e Shannon Walker, insieme a Soichi Noguchi della Japan Aerospace Exploration Agency (JAXA), in orbita per iniziare una missione scientifica di sei mesi a bordo dello spazio stazione.

Credits: Nasa, SpaceX

La navicella spaziale Crew Dragon, denominata “Resilience”, attraccherà autonomamente al dock di prua del modulo Harmony della stazione verso le 23:00 di oggi. La televisione della NASA sarà in diretta per seguire l’attracco, l’apertura del portello e la cerimonia per accogliere l’equipaggio a bordo del laboratorio orbitante.

Credits: Nasa, SpaceX

La missione Crew-1 è la prima di sei missioni con equipaggio della NASA e SpaceX.

Questo è il primo equipaggio internazionale di quattro persone ad essere lanciato su un veicolo spaziale commerciale americano ed è anche la prima volta che la dimensione dell’equipaggio di una spedizione di lunga durata della stazione spaziale aumenterà da sei a sette membri dell’equipaggio.

Durante il volo, SpaceX comanda la navicella dal suo centro di controllo della missione a Hawthorne, in California, e le squadre della NASA monitorano le operazioni della stazione spaziale durante il volo dal Mission Control Center del Johnson Space Center dell’agenzia a Houston.

Credits: Nasa, SpaceX

Hopkins, Glover, Walker e Noguchi, i 4 astronauti partiti oggi, si uniranno all’equipaggio della Expedition 64 del comandante Sergey Ryzhikov e dell’ingegnere di volo Sergey Kud-Sverchkov, entrambi dell’agenzia spaziale russa Roscosmos, e dell’ingegnere di volo Kate Rubins della NASA.

Vediamo brevemente chi sono i 4 astronauti.

Michael Hopkins è il comandante della navicella spaziale Crew Dragon e della missione Crew-1. Hopkins è responsabile di tutte le fasi del volo, dal lancio al rientro. Servirà anche come ingegnere di volo Expedition 64 a bordo della stazione. Selezionato come astronauta della NASA nel 2009, Hopkins ha trascorso 166 giorni nello spazio come membro dell’equipaggio di lunga durata delle Spedizioni 37 e 38 e ha completato due passeggiate spaziali per un totale di 12 ore e 58 minuti. Ha conseguito una laurea in ingegneria aerospaziale presso l’Università dell’Illinois e un master in ingegneria aerospaziale presso la Stanford University. Prima di entrare a far parte della NASA, Hopkins era un ingegnere di collaudo di volo con la US Air Force.

Victor Glover è il pilota della navicella spaziale Crew Dragon e il secondo in comando della missione. Glover è responsabile dei sistemi e delle prestazioni dei veicoli spaziali. Sarà anche un membro dell’equipaggio di lunga durata della stazione spaziale. Selezionato come astronauta nel 2013, questo è il suo primo volo spaziale. Nato in California ha conseguito un Bachelor of Science in ingegneria generale presso la California Polytechnic State University, un Master of Science in ingegneria dei test di volo e un master in arte e scienza operativa militare presso la Air University, e un Master of Science in ingegneria dei sistemi presso Scuola di specializzazione navale. Glover è un aviatore navale ed è stato pilota collaudatore sugli aerei F / A ‐ 18 Hornet, Super Hornet e EA ‐ 18G Growler.

Shannon Walker è uno specialista di missione per Crew-1. In qualità di specialista di missione, lavora a stretto contatto con il comandante e il pilota per monitorare il veicolo durante le fasi dinamiche di lancio e rientro del volo. È anche responsabile del monitoraggio delle scadenze, della telemetria e dei materiali di consumo. Una volta a bordo della stazione, Walker diventerà un ingegnere di volo per l’Expedition 64. Selezionata come astronauta della NASA nel 2004, Walker è stato lanciato sulla Stazione Spaziale Internazionale a bordo della navicella spaziale russa Soyuz TMA-19 come copilota e ha trascorso 161 giorni a bordo della laboratorio orbitante. Più di 130 esperimenti di microgravità sono stati condotti durante la sua permanenza in aree come la ricerca umana, la biologia e la scienza dei materiali. Originaria di Houston, Walker ha conseguito una laurea in fisica presso la Rice University, nonché un master in scienze e un dottorato in fisica spaziale, entrambi presso la Rice University, rispettivamente nel 1992 e nel 1993.

Soichi Noguchi è anche uno specialista di missione per Crew-1, lavora con il comandante e il pilota per monitorare il veicolo durante le fasi dinamiche di lancio e rientro del volo e controlla le tempistiche, la telemetria e i materiali di consumo. Noguchi diventerà anche un membro dell’equipaggio di lunga durata a bordo della stazione spaziale. È stato selezionato come candidato astronauta dalla National Space Development Agency del Giappone (NASDA, attualmente Japan Aerospace Exploration Agency) nel maggio 1996. Noguchi è un veterano di due voli spaziali. Durante STS-114 nel 2005, Noguchi è diventato il primo astronauta giapponese a compiere una passeggiata nello spazio fuori dalla stazione spaziale. Ha effettuato un totale di tre passeggiate spaziali durante la missione, accumulando 20 ore e 5 minuti di camminata spaziale. Si è lanciato a bordo di una navicella spaziale Soyuz nel 2009, per tornare alla stazione come membro dell’equipaggio di lunga durata.

L’equipaggio condurrà esperimenti scientifici e manutenzione durante il soggiorno di sei mesi a bordo del laboratorio orbitante e tornerà nella primavera del 2021. Si prevede che sarà la più lunga missione spaziale umana lanciata dagli Stati Uniti. La navicella spaziale Crew Dragon è in grado di rimanere in orbita per almeno 210 giorni, come requisito della NASA.

Tra le indagini scientifiche e di ricerca che l’equipaggio sosterrà durante la sua missione di sei mesi c’è uno studio che utilizza chip con tessuto che imita la struttura e la funzione degli organi umani per comprendere il ruolo della microgravità sulla salute e le malattie umane e tradurre tali risultati per migliorare l’uomo salute sulla Terra, coltivare ravanelli in diversi tipi di luce e suolo come parte degli sforzi in corso per produrre cibo nello spazio e testare un nuovo sistema per rimuovere il calore dalla tuta spaziale di prossima generazione della NASA, l’Exploration Extravehicular Mobility Unit (xEMU).

Al termine della missione, gli astronauti di Crew-1 saliranno a bordo della Crew Dragon, che poi si sgancerà autonomamente, lascerà la stazione spaziale e rientrerà nell’atmosfera terrestre analogamente a quanto avvenuto nella missione Demo-2.

Il Commercial Crew Program della NASA sta realizzando il suo obiettivo di trasporto sicuro, affidabile ed economico da e per la Stazione Spaziale Internazionale dagli Stati Uniti, attraverso una partnership con l’industria privata americana SpaceX.

Credits: Nasa, SpaceX

Questa partnership sta cambiando l’arco della storia del volo spaziale umano aprendo l’accesso all’orbita terrestre bassa e alla Stazione spaziale internazionale a più persone, più scienza e più opportunità commerciali.

La stazione spaziale rimane il trampolino di lancio per il prossimo grande balzo della NASA nell’esplorazione spaziale, comprese le future missioni sulla Luna e, alla fine, su Marte.

Per più di 20 anni, gli esseri umani hanno vissuto e lavorato ininterrottamente a bordo della Stazione Spaziale Internazionale, facendo progredire la conoscenza scientifica e dimostrando nuove tecnologie, rendendo impossibili scoperte di ricerca sulla Terra.

Come impresa globale, 242 persone provenienti da 19 paesi hanno visitato l’esclusivo laboratorio di microgravità che ha ospitato più di 3.000 ricerche e indagini educative di ricercatori in 108 paesi e aree. Insomma l’Umanità a lavoro per il progresso.

Come sempre troverai qui sul Blog tutti gli aggiornamenti di queste e delle altre missioni spaziali di Nasa e SpaceX.

Allora cosa nel pensi di questa nuova Missione? Lascia un commento qui sotto e parliamone.


FONTE

Questo sito utilizza cookies indispensabili per il suo funzionamento. Cliccando Accetta, autorizzi l'uso di tutti i cookies.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy