65 – Dispositivo anti-abbandono Chicco BebèCare easy-tech

Vediamo come funziona nel dettaglio questo dispositivo anti-abbandono proposto da Chicco, economico, pratico ed efficace.

La recensione di oggi è dedicata a questo piccolo e pratico dispositivo di Chicco.

Come saprai questo tipo di dispositivi è obbligatorio per tutti i bimbi sotto i 4 anni. Le sanzioni per il mancato utilizzo nel caso di bimbo a bordo sono 5 punti patente decurtati e una multa che va da un minimo di 81€ a un massimo di 361€.

Questo dispositivo di Chicco si chiama BebèCare Easy-Tech ed ha un prezzo di listino di 39,90€ ma spesso, per esempio su Amazon, lo si può trovare a prezzo minore.

Il funzionamento del dispositivo è semplice, una volta posizionato il bambino sul seggiolino, bisogna attivarlo e posizionarlo, tramite la solida clip, alle cinture di sicurezza del seggiolino. L’importante è che sia ben in vista. Bisogna poi disattivarlo al momento dell’arrivo quando si sposta il bimbo dal seggiolino. Tutto molto facile e pratico.

Vediamo ora come si presenta il dispositivo, come si configura e come si utilizza nella pratica.

BebèCare è piccolo come un biglietto da visita, spesso circa 1 cm e costruito in solida plastica. Sul lato posteriore la clip, con cui si fissa al seggiolino, appare solida, vedremo nel corso del tempo. Sfilandolo dalla sua custodia esterna si può accedere al vano batteria che, una volta esaurita, potrà essere sostituta, comunque la durata stimata di anni con un utilizzo normale quotidiano.

Prima di essere utilizzato, essendo un dispositivo smart, è necessario configurarlo.

Le indicazioni, sia sulla scatola sia leggendo le istruzioni interne, sono molto facili da seguire. Di seguito i semplici passi previsti:

  1. scaricare l’App Chicco BebèCare dal Play Store (Android) oppure App Store (Apple);
  2. creare un account gratuito direttamente sull’App. Fatto questo ti arriverà una email sull’indirizzo che hai inserito per verificare la correttezza dell’email. Come sempre ci sono da spuntare le varie informative sulla privacy e sull’utilizzo dei dati;
  3. procedendo nella configurazione l’App richiede l’autorizzazione per accedere ad alcuni dati essenziali per la gestione del dispositivo come la Localizzazione (serve per comunicarla ai contatti di emergenza in caso di necessità), la Fotocamera (per scansionare il QR code, vedi dopo), le Notifiche (necessarie per inviare notifiche allo smartphone per attivazione, disattivazione ed emergenza);
  4. inserire i contatti per l’emergenza (minimo 3 numeri, massimo 5);
  5. scansionare il QR code che trovi nella scatola sotto il dispositivo, fatto questo il sistema assocerà velocemente il dispositivo tramite Bluetooth e Cloud di Chicco;
  6. inserire nome e data di nascita del bimbo (dato che verrà utilizzato negli SMS di emergenza).

L’utilizzo è molto semplice:

  1. posizionare il bambino sul seggiolino e allacciare le cinture come da normativa vigente e istruzioni dello specifico seggiolino;
  2. posizionare Bebècare su uno spallaccio del seggiolino (seguire le istruzioni Bebècare) e attivarlo chiudendolo con due dita;
  3. una volta arrivati a destinazione, spostare il bambino dal seggiolino e fuori dalla macchina, disattivare il Bebècare aprendolo pigiando sulle due alette laterali.

Veniamo ora al funzionamento dell’intero sistema.

Dopo averlo attivato il BebèCare e lo smartphone comunicano tramite Bluetooth per verificare la reciproca presenza. Questa ricerca reciproca si interrompe nel momento in cui si disattiva il dispositivo perchè si è giunti a destinazione. Se invece, dopo averlo regolarmente attivato, dovesse interrompersi il segnale tra i due (per esempio a causa di un allontanamento) il BebèCare inizierà ad emettere un insieme di suoni per avvisare del problema. Se non si interviene dopo 3 minuti sarà lo smartphone che attiverà le notifiche di allarme acustiche per altri 40 secondi. Nel caso in cui anche queste notifiche venissero ignorate, dopo 5/10 minuti, interverrà il sistema Cloud di Chicco che provvederà ad inviare gli SMS di emergenza ai numeri configurati in precedenza. Il contenuto dell’SMS conterrà Data e Ora, Nome del Bimbo e la posizione con il link a Google Maps.

E’ anche contemplata la possibilità di aver regolarmente spostato il bimbo dall’auto ma aver dimenticato attivo il BebèCare. In questo caso, volendo, si può evitare di dover tornare all’auto e sarà sufficiente silenziare la notifica che appare sul telefono ed evitare di inviare gli SMS. (Si presuppone che la disattivazione delle notifiche sullo smartphone, da parte del genitore, significhi che il bimbo non è più in macchina)

Veniamo al costo degli SMS. Con l’acquisto del dispositivo Chicco ci da un pacchetto di 15 SMS. Quando stanno per terminare saremo avvisati dall’App e potremo acquistare un nuovo pacchetto di SMS direttamente dall’App BebèCare.

Interessante il fatto che l’App può essere installata su quanti smartphone o tablet si vuole e sarà sufficiente accedere con l’account registrato in precedenza.

Concludendo ti posso dire che il Chicco BebèCare è un dispositivo piccolo, leggero, economico e pratico. Non è perfetto perchè richiede comunque attenzione per attivarlo, disattivarlo e per non dimenticarsi in auto, oltre al bambino, anche il telefono…altrimenti la frittata è fatta. Volendo delegare ad un dispositivo sia l’attivazione che la disattivazione allora sul mercato puoi trovare anche altre soluzioni più costose e più complesse.

Allora cosa ne pensi? Hai anche tu necessità di questo dispositivo oppure già lo utilizzi? Lascia un commento qui sotto e parliamone.

Questo sito utilizza cookies indispensabili per il suo funzionamento. Cliccando Accetta, autorizzi l'uso di tutti i cookies.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy