345 – L’attuale produzione alimentare degrada il suolo, il 40% è già compromesso.

Le Nazioni Unite affermano che fino al 40% del suolo del pianeta è degradato principalmente a causa della produzione alimentare, questo mette a rischio la capacità di sfamare la crescente popolazione del pianeta.

Le Nazioni Unite hanno dimostrato che i danni umani alla terra, intesa proprio come terreno utilizzabile per la produzione alimentare, stanno accelerando sempre di più e al momento fino al 40% è classificato come degradato.

In un approfondimento di “The Guardian” si approfondisce proprio come il suolo sia una risorsa vitale per l’umanità, come l’aria e l’acqua. Il degrado del suolo, il deterioramento o la perdita della capacità produttiva dei suoli per il presente e il futuro, è una sfida globale che colpisce tutti attraverso l’insicurezza alimentare, l’aumento dei prezzi alimentari, i cambiamenti climatici, i rischi ambientali e la perdita di biodiversità. Il degrado del suolo sta avvenendo a un ritmo allarmante, contribuendo a un drammatico calo della produttività dei terreni coltivati ​​e dei pascoli in tutto il mondo. Il degrado del suolo è uno dei problemi ambientali più urgenti del mondo e peggiorerà senza una rapida azione correttiva.

Lo studio delle UN su DDay.it


Questo sito utilizza cookies indispensabili per il suo funzionamento. Cliccando Accetta, autorizzi l'uso di tutti i cookies.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte Privacy.